Il progetto europeo, di cui l’università toscana è capofila, mira a realizzare prodotti come bende e cerotti sui quali “stampare” dispositivi elettronici e circuiti, in grado di monitorare i parametri biomedici

Fonte: Corriere delle Comunicazioni – 29 Ottobre 2018