Lo scorso 8 maggio l’ASST di Vimercate si è aggiudicata il “Premio Impact” della School of Management del Politecnico di Milano, un riconoscimento atto a premiare quei progetti che negli ultimi cinque anni hanno apportato un’innovazione permanente a livello di sistema, ottenendo un significativo successo in termini di impatti e risultati.

L’ASST di Vimercate aveva vinto nel 2013 il Premio nella categoria “Cartella Clinica Elettronica” per aver introdotto tutte le funzionalità necessarie per la gestione completa dell’intero percorso clinico del paziente e per averle rese fruibili tramite Tablet e PC in mobilità all’interno dell’ospedale grazie alla soluzione Dedalus Tabula Clinica. Nel 2014 la struttura ha implementato anche un sistema di automazione della logistica del farmaco a ciclo chiuso che ha consentito il controllo automatico dell’intera filiera logistica del farmaco ospedaliero, fino alla somministrazione al letto del paziente. Nel 2015 il progetto è stato esteso all’ambito oncologico, con la gestione informatizzata di tutti i 5.800 pazienti in cura presso il dipartimento di Oncologia, consentendo la registrazione e l’utilizzo condiviso di tutti i dati clinici in formato strutturato, la completa programmazione e somministrazione delle terapie e la registrazione di tutti gli eventi e azioni assistenziali effettuate su ciascun paziente. Nel 2017 sono stati introdotti sistemi di Business Intelligence che consentono di analizzare in modalità organizzata e strutturata i dati provenienti dalla cartella clinica e da altri sistemi applicativi dedicati ai principali servizi diagnostici, con un livello di dettaglio che si riferisce a ogni singolo accesso ospedaliero per ciascun paziente.

Attualmente Tabula Clinica è utilizzata da oltre 500 medici e 1.600 infermieri in mobilità attraverso l’impiego di oltre 300 dispositivi mobili. Ogni giorno sul sistema transitano i dati relativi a circa 6.200 analisi del laboratorio analisi, 700 esami radiologici, 600 scale di valutazione clinica, 15.000 somministrazioni di farmacoterapia, 3.000 rilevazioni di parametri vitali e 6.000 registrazioni di attività assistenziali.