Un’app basata sull’intelligenza artificiale è risultata più brava dei medici di base ‘in carne e ossa’ nel fare diagnosi basate sulle risposte dei pazienti. Ad affermarlo è Babylon, la start up britannica che l’ha sviluppata, che ha già però registrato, riporta il sito della Bbc, lo scetticismo dei ‘general practitioner’ britannici.

Fonte: Ansa – 28 Giugno 2018