Medasys Group announces the acquisition of Netika SAS

Clamart, July 28th, 2017 – Medasys, major French publisher of medical software for public and private healthcare institutions in the fields of patient records, care production and technical platforms (biology, radiology, pharmacy), announces the acquisition of NETIKA SAS (joint-stock company), a company specializing in the development and commercialization of software dedicated to Quality Insurance Management and Laboratory Information System.

Presentation of Netika and expected synergies

With over 2,800 institutions using its solutions and a team of nearly 70 persons, Netika, a company based in Strasbourg (France) is a major player in the sector of Public and Private Laboratory Information Systems. Netika achieved a turnover of € 6.1 million in 2016 for an EBITDA of € 1 million. Its range of interconnected and multi-site solutions consists of a Quality Insurance Management tool (KaliLab) and a Laboratory Information System (KaliSil). Netika’s softwares enrich Medasys’ range of products and enable the publisher to offer new, modular solutions to its current clients.

The evolution of its offer and the biology department, now composed of more than 100 people, will enable Medasys Group to increase its presence in the private sector and provide a complete and appropriate answer to any institution (public or private).

 

Presentation and terms of the transaction

Medasys acquired the totality of Netika’s shares from NKKD, the sole shareholder of Netika, under the following terms and conditions:

– Acquisition price: € 9.8 million;

– Guarantee of ordinary assets and liabilities to Medasys;

– Duration of the guarantee of liabilities: 3 years from this day (except in fiscal, social and customs matters for which the guarantee is unlimited);

– The transfer of ownership occurred today.

 

Financing

The acquisition was financed through a shareholder loan granted by Dedalus (majority shareholder) to Medasys for an amount equal to 100% of the purchase price.

The main features of the shareholder loan are as follows:

– Maturity of the current account advance in 10 years;

– Automatic and anticipated reimbursement in the event of a change of control;

– Interest rate of 3,5 % per annum;

– Possibility of converting the receivable in the event of a capital transaction or the issue of financial instruments.

The Group reserves the right to repay the shareholder loan in advance by mean of a capital increase, a bank loan, an issue of debt securities or by any other means.

This acquisition under the aforementioned conditions as well as the terms of its financing have been subject to prior approval by the Management Board and the Supervisory committee of Medasys.

 

An enriched offer adapted to the private and public sector

By integrating Netika’s solutions into its portfolio, Medasys is able to address the private sector with a forward-thinking solution in its deployment methodology and urbanization.

To meet the demands of the hospital laboratories, Netika will complete Medasys’ offer on a functional level and will enable, through its recent successes, to manage the project of public laboratories of all sizes. KaliSil will be deployed in medium-sized (and small) institutions/ territories while DxLab, Medasys multi-site laboratory information system will be deployed in large institutions / territories.

“The integration of Netika within Medasys Group gives it a significant market share in the private sector and consolidates its position as a leader in the management of technical platforms as part of the implementation of Hospital networks.” explained Frederic Vaillant, Chairman and CEO of Medasys.

Netika will also benefit from the contributions of Dedalus Group, the majority shareholder of Medasys whose diagnostic activity represents nearly € 45 million, notably with its middleware, its pathology solution and its clinical decision support system.

“We are glad to support Medasys’ growth strategy – says Giorgio Moretti, CEO of Dedalus – With the acquisition of Netika the Group further strengthens its leading position in Europe in the ambits of hospital information systems and diagnostic information systems. The Group’s expansion strategy is supported by the shareholder Ardian, the biggest Private Equity fund in Europe, which provides us a valuable help in developing the French market. Thanks to the constant investments in R&D, which allow Dedalus and Medasys to offer products more and more suited to the continuous market developments, we are able to support our customers during this strong evolution phase of the French healthcare system.”

Much more than a financial transaction, this acquisition will enable Medasys to be as close as possible to the expectations of biologists. The Group’s synergies will strengthen the diagnostic division. To ensure continuity of the activity, Medasys decided to create a strategic committee dedicated to the management of laboratories, in which Daniel Klumpp, founder of Netika, will ensure the vice-presidency Strategy LIS.

 

About Medasys

Medasys is a major healthcare software publisher in the areas of EMR, care production, biology and medical imaging, allowing public and private healthcare facilities to optimize and enhance reliability of medical processes within a performance, patient safety and costs reduction standpoint.

Medasys is listed in Compartment C of Euronext Paris (mnemonic MED – code ISIN FR 0000052623). It employs 200 people and is present in France (Clamart and Lyon), Belgium, Algeria, Morocco and Japan. Since July 1st of 2016, Medasys is part of Dedalus Group, one of the European leaders in Healthcare software solutions.

Beyond its business activities, Medasys is also determined to act on its internal activities thanks to an environmental policy that follows five principles: using videoconferences, following telecommuting, reducing the consumption of paper and cartridges and improving the management of our waste. Medasys has been ISO 14001 v2004 certified since December 21, 2012.

Learn more about Medasys : www.medasys.com

 

About Dedalus

Founded in 1990 in Florence, Dedalus, with more than 1.600 employees, of which about 600 abroad, is European leader in Healthcare software solutions, even thanks to the acquisition of Noemalife in 2016, through which it achieved further leading positions in the segment of diagnostic and clinical management solutions. In the same year, the European Private Equity Fund ARDIAN acquired 60% of the Group.

In the last five years, Dedalus accelerated its international expansion, exploiting the full functional coverage of all ICT needs of any healthcare system (not limiting to hospital systems) both public and private, thanks to an offer portfolio of over 200 solutions, developed by a R&D team of more than 600 people.

Dedalus is present worldwide in 25 Countries, with its own local companies or through Joint Ventures with the major local players. Dedalus has a leading position in many Countries and it drives important projects in Italy, France, China, South Africa, Ecuador, Peru, Chile, Mexico, Saudi Arabia, Tunisia, Spain, Romania, Bosnia, UK and USA.

Learn more about Dedalus : www.dedalus.eu

Contact Medasys : Service Marketing Communication – Tel : +33(0) 1 75 60 91 00 – Email : servicepresse@medasys.com

 

About Netika

Founded in 2000, Netika is one of the market leaders in medical biology laboratories with its two flagship products: KaliLab and KaliSil. With more than 2,800 healthcare institutions, Netika now wants to expand to other medical fields such as medical imaging with its KaliRad product. Learn more about Netika : www.netika.net

Consob ha approvato i documenti d’offerta sulle azioni (opa obbligatoria) e sui warrant (opa volontaria) di NoemaLife, leader europeo nel mercato dell’informatica clinica ospedaliera, entrambe lanciate da Dedalus spa, leader nazionale nel software clinico sanitario. Dedalus a fine giugno aveva acquistato il 100% di Ghenos, holding che faceva capo a Francesco Serra e che controlla Noemalife al 57,3%. Contestualmente Dedalus aveva acquistato il 14,94% del capitale di NoemaLife detenuto da Tamburi Investment Partners (che reinvestirà nella holding sotto forma di vendor loan) e l’11,1% detenuto da Maggioli. Successivamente, Dedalus ha acquisito sul mercato un ulteriore 4,5% del capitale sociale di NoemaLife, mentre la quotata possiede azioni proprie per uno 0,7% del capitale. Queste operazioni hanno fatto scattare l’obbligo di opa sulle residue 969.578 azioni ordinarie di NoemaLife, pari all’11,6% del capitale a un prezzo che è stato fissato a 7,4 euro per azione. Contestualmente Dedalus ha lanciato un’opa volontaria su 228.594 warrant, pari al 20,4% dei warrant di NoemaLife in circolazione, a 0,423 euro per warrant. Dedalus spa è controllata da Dedalus Holding, che per il 60% fa capo al fondo Ardian e per il 40% al fondatore Giorgio Moretti (tramite Health Holding Company). Ardian è salita al controllo di Dedalus solo di recente, dopo avere annunciato lo scorso 9 luglio l’accordo per l’acquisto delle quote di Dedalus da HC Leo sa (Hutton Collins Partners e The Three Hills Capital Partners), da Mandarin Capital Partners e da Moretti. Entrambe le offerte d’acquisto non sono condizionate al raggiungimento di alcuna soglia minima di adesioni. Il periodo di adesione avrà inizio l’8 agosto e terminerà il 9 settembre, mentre il pagamento del corrispettivo è previsto il 16 settembre. NoemaLife ha chiuso ieri a 7,485 euro, in variata da lunedì. (riproduzione riservata) NOEMALIFE 2 mag ’16 2 ago ’16 7,0 7,6 7,2 7,4 7,8 quotazioni in euro 7,48 € Inv.

Ardian acquisisce il 60% di Dedalus con una partecipazione azionaria del 40%, il fondatore Giorgio moretti rimane alla guida del gruppo nella nuova fase di crescita sui mercati internazionali

Ardian accompagnerà Dedalus in questa nuova fase di sviluppo a livello globale

Milano, 8 luglio 2016 – Ardian, società di investimenti indipendente, annuncia di aver firmato l’acquisizione di circa il 60% di Dedalus Holding, la cui controllata Dedalus S.p.A. rappresenta oggi un’eccellenza nel settore del software clinico sanitario sia in Italia che a livello internazionale. In particolare, Ardian acquisirà il 14% della Società da Hutton Collins Partners, il 35,59% da Mandarin Capital Partners e il 10,41% da Health Holding Company S.r.l., controllata dal fondatore Giorgio Moretti, Presidente e Amministratore Delegato di Dedalus, che manterrà una quota pari a circa il 40% e le sue cariche attuali, garantendo la continuità gestionale.
L’operazione rappresenta per Ardian il sesto investimento in Italia dei fondi attivi nel segmento Mid Cap.
Nel corso degli anni, grazie a un mirato piano di acquisizioni, con 40 aziende rilevate, e agli importanti investimenti in Ricerca & Sviluppo effettuati, Dedalus è diventata una realtà internazionale capace di posizionarsi quale leader nel settore di riferimento. Dedalus, post integrazione con NoemaLife di cui ha recentemente acquisito oltre l’83%, diventerà leader in Italia nel software clinico sanitario e tra i primi player a livello europeo, con attività globali in 25 Paesi. Il Gruppo stima di chiudere il 2016 con un fatturato pari a circa 170 milioni di euro.
Si ricorda che Dedalus ha annunciato in data 28 giugno 2016 l’acquisizione della maggioranza di NoemaLife che ha comportato l’obbligo per Dedalus di promuovere un’Offerta Pubblica di Acquisto Obbligatoria su 1.339.472 azioni ordinarie di NoemaLife S.p.A., quotate sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., con un prezzo per azione pari a 7,40 euro. Dedalus promuoverà contestualmente anche un’Offerta Volontaria sui Warrant di NoemaLife, riconoscendo un corrispettivo di 0,423 euro per ogni Warrant.
Ardian affiancherà Dedalus, post integrazione con NoemaLife, nella crescita a livello internazionale, puntando sugli investimenti in innovazione e la capacità di servire il cliente.
Yann Chareton, Managing Director del team Mid Cap Buyout di Ardian, ha commentato: “In Dedalus abbiamo visto un’eccellenza italiana che presenta ancora interessanti opportunità di crescita, ancora di più dopo la recente acquisizione di NoemaLife. Lavoreremo con Giorgio Moretti e la sua squadra di manager per creare nuove opportunità di sviluppo del business e raggiungere una posizione ancora più rilevante nel settore clinico sanitario a livello internazionale. L’ottimo lavoro svolto fino ad ora da Dedalus sarà ancor più valorizzato dal nostro investimento di medio-lungo termine, che punterà a valorizzare pienamente le competenze e il know–how del Gruppo”.
Giorgio Moretti, Presidente e AD di Dedalus, ha aggiunto: “Il settore dell’ICT in ambito clinico sanitario nei prossimi anni si muoverà inesorabilmente in direzione di un importante processo di consolidamento globale, certamente europeo. Gli investimenti in R&D per rimanere competitivi ed i nuovi modelli di business che prevedono anche rilevanti investimenti iniziali necessitano di grandi risorse finanziarie, di una grande base di clientela ed una forte presenza internazionale. Dopo un’attenta valutazione di possibili partner che hanno dimostrato interesse per il nostro piano, abbiamo ritenuto Ardian il più adatto per supportarci ad affrontare le sfide su scala globale; ci ha convinto la grande professionalità dei suoi manager, la capacità di capire il nostro business e la grande velocità di esecuzione nell’operazione. Un ringraziamento va ai fondi che ci hanno accompagnato fin qui, Mandarin Cp e Hutton&Collins, con i quali abbiamo condiviso un percorso entusiasmante negli ultimi anni e grazie ai quali abbiamo potuto realizzare l’operazione NoemaLife”.

LE PARTI COINVOLTE
ADVISOR ARDIAN
Legal due diligence e contrattualistica: Giovannelli e Associati (Fabrizio
Scaparro e Alessandro Giovannelli)
Advisor strategico: Deloitte (Guido Borsani, Marco Vulpiani e Davide Lipodio)
Due diligence finanziaria: KPMG (Klaus Riccardi)
Due diligence fiscale e struttura operazione: CBA Studio Tributario (Diego De
Francesco)

ADVISOR DEDALUS
Advisor finanziario: DVR Capital (Carlo Daveri e Nicola Gualmini), BNP
Paribas
Advisor legali: Eversheds (Marco Franzini) e Gianni Origoni Grippo Cappelli &
Partners

ARDIAN
Ardian, fondata nel 1996 e guidata da Dominique Senequier, è una società di investimenti indipendente con 55 miliardi di dollari in gestione o oggetto di consulenza in Europa, Nord America e Asia. La società, la cui maggioranza è detenuta dai propri dipendenti, è animata da uno spirito imprenditoriale, e genera performance d’investimento per i propri investitori internazionali stimolando al contempo la crescita delle economie di tutto il mondo. Il processo d’investimento di Ardian racchiude tre valori: eccellenza, dedizione e imprenditorialità.
Ardian conta su una vera e propria rete globale, con oltre 430 dipendenti distribuiti tra le 12 sedi di Parigi, Londra, Francoforte, Milano, Madrid, Zurigo, New York, San Francisco, Pechino, Singapore, Jersey e Lussemburgo. La società offre ai propri 490 investitori un’ampia gamma di fondi attivi in diverse asset class, inclusi i Fondi di Fondi (primary, early secondary e secondary), il Private Debt, i Fondi Diretti (che comprendono Ardian Mid Cap Buyout, Ardian Expansion, Ardian Growth e Ardian Co-Investment), Ardian Infrastructure, Ardian Real Estate e soluzioni personalizzate di investimento con Ardian Mandates.

DEDALUS S.p.a.
Costituito a Firenze nel 1990, il Gruppo Dedalus oggi è leader nel software clinico sanitario in Italia, dove opera principalmente con i marchi Dedalus e NoemaLife. Negli ultimi cinque anni ha aggregato oltre 40 aziende nel mondo, divenendo uno di primi player europei. Opera con i suoi 1.700 addetti – di cui oltre 600 all’estero – basati in 50 uffici in Italia e 25 paesi nel mondo. Rappresenta un soggetto dalle caratteristiche uniche a livello mondiale, sfruttando la piena copertura funzionale di tutte le esigenze ICT di ogni sistema sanitario, non limitatamente a sistemi ospedalieri, sia pubblico che privato. Il Gruppo Dedalus è attivo in Europa: Italia, Belgio, Bosnia, Francia, Lussemburgo, Romania, Spagna, Svizzera, UK; in America: USA, Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Ecuador, Messico, Perù; in Africa: Algeria, Egitto, Marocco, Sud Africa, Tunisia; nel Middle East: Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Libano e Turchia; in Asia: Cina.

Nasce il primo operatore in Italia nel settore dei software clinico-sanitari e uno dei primi player in europa, con attività globali in 25 paesi del mondo
In Italia la nuova realtà coprirà in modo capillare tutto il territorio rafforzando il posizionamento di Dedalus e Noemalife
Gli importanti investimenti sui prodotti e il potenziamento dell’organizzazione di assistenza sempre più vicina ai clienti creeranno nuovo valore per il sistema sanitario italiano
l’operazione nel medio-lungo termine e’ destinata a generare un miglioramento della profittabilità nel mercato italiano storicamente carente di risorse
Dedalus promuovera’ un’offerta pubblica di acquisto obbligatoria totalitaria sulle azioni ordinarie di Noemalife e un’offerta pubblica di acquisto volontaria totalitaria sui warrant Noemalife 2012-2017

Milano, 28 giugno 2016 – Dedalus S.p.A, leader nazionale nel software clinico sanitario, ha perfezionato in data odierna l’acquisizione del 100% di Ghenos S.r.l., società riconducibile al fondatore Francesco Serra detentrice del 57,3% di NoemaLife S.p.A., società quotata alla Borsa Italiana e leader europeo nel mercato dell’informatica clinica ospedaliera, del 14,94% delle azioni NoemaLife detenute da Tamburi Investment Partners S.p.A., e dell’11,1% delle azioni NoemaLife detenute da Maggioli S.p.A..
La realtà che nascerà dall’aggregazione di Dedalus con NoemaLife, con un target di fatturato per il 2016 di circa 170 milioni di euro, sarà leader di mercato in Italia con una presenza capillare su tutto il territorio nazionale e uno dei principali player in Europa. Il gruppo risultante sarà peraltro attivo con proprie aziende in Francia, Spagna, UK, USA, America Latina, Cina, Middle East ed Africa del Nord e del Sud.
NoemaLife rappresenta un vero e proprio punto di riferimento nel comparto dell’informatica per la sanità da vent’anni, le sue soluzioni software hanno accompagnato ed anticipato l’evoluzione e la crescita dei dipartimenti di diagnostica in Italia, suo è il modello concettuale di architettura informatica Laboratorio Logico Unico. NoemaLife, inoltre, ha introdotto in Italia la Cartella Clinica Elettronica, sviluppando una nuova filosofia di prodotto per la gestione integrata dei processi clinici e creando un’infrastruttura applicativa focalizzata sul paziente, ad ogni livello organizzativo: dipartimentale, ospedaliero e territoriale. La Società porta in dote un pacchetto clienti composto da oltre 2.000 strutture sanitarie distribuite su 4 continenti.
L’operazione si pone, tra i vari obiettivi, il miglioramento del servizio ai clienti e l’evoluzione del portafoglio prodotti. Grazie all’unione di due eccellenze nazionali, la nuova realtà potrà competere con altri grandi operatori internazionali, in un settore destinato ad assistere ad un processo di concentrazione a livello globale.
Le forti sinergie porteranno nel medio-lungo termine ad una considerevole ottimizzazione dell’attività di Ricerca&Sviluppo che consentirà di sviluppare prodotti innovativi attingendo alle grandi competenze presenti nei due Gruppi. Negli ultimi 5 anni, Dedalus e NoemaLife hanno investito complessivamente circa 60 milioni di euro in R&D, e continueranno ad investire a ritmi sostenuti, riconoscendo in tale attività il prerequisito per offrire ai propri clienti le migliori soluzioni ICT in ambito sanitario, che è in costante cambiamento.
L’acquisizione della maggioranza di NoemaLife da parte di Dedalus comporterà la promozione di un’Offerta Pubblica di Acquisto (OPA) obbligatoria totalitaria su 1.339.472 azioni ordinarie di NoemaLife S.p.A., quotate sul Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., con un prezzo per azione pari a 7,40 euro.
Dedalus promuoverà contestualmente anche un’Offerta Volontaria sui Warrant di NoemaLife, riconoscendo un corrispettivo di 0,423 euro per ogni Warrant.
Entrambe le Offerte, il cui controvalore massimo totale è pari a 10.135.508,68 euro, sono finalizzate al delisting e consentiranno a Dedalus di integrare in modo efficace le attività di NoemaLife.
Il Periodo di Adesione alle Offerte sarà concordato con Borsa Italiana in conformità alle disposizioni di legge e regolamentari applicabili. Si prevede che il periodo di Offerta, previa approvazione di Consob alla documentazione, possa avere inizio nel mese di agosto di quest’anno. Nel rispetto dei limiti imposti dalla normativa applicabile, l’Offerente si riserva la facoltà di prorogare il Periodo di Adesione, la cui durata massima non potrà comunque essere superiore a 40 giorni di Borsa aperta.
Tamburi Investment Partners, anche al fine di agevolare la finanziabilità dell’operazione, reinvestirà – sotto forma di vendor loan con opzione di rimborso in azioni Dedalus – in Dedalus Holding S.p.A per un importo pari ai proventi derivanti dalla cessione delle azioni e dei Warrant detenuti in NoemaLife, complessivamente pari a 9.269.552 euro.

“Nel corso degli anni il Gruppo Dedalus ha portato a termine con successo numerose acquisizioni delle migliori aziende operanti nel settore dell’ICT sanitario italiano ed estero, con l’obiettivo di superare la frammentazione esistente sul mercato, valorizzando le loro competenze in un processo di integrazione a beneficio dei propri clienti. Con questa operazione di aggregazione di NoemaLife, il nuovo gruppo ricoprirà un importante ruolo nello scenario di consolidamento che si sta delineando a livello internazionale per garantire i necessari investimenti in R&D, quale pre-requisito per offrire ai clienti le migliori soluzioni software in ambito sanitario, settore in continuo cambiamento. Dedalus e NoemaLife condividono da sempre questa filosofia, che ha portato negli ultimi cinque anni ad investimenti complessivi per circa 60 milioni di euro. Integrare queste due grandi aziende è quanto di più coerente con i reciproci valori fatti di investimenti in innovazione, capacità di servire il cliente e rispetto delle regole”, ha dichiarato Giorgio Moretti, Presidente e Amministratore Delegato di Dedalus. “Tutte le oltre 40 aziende confluite nel Gruppo Dedalus fino ad oggi hanno creato una realtà internazionale che attualmente conta oltre 1.000 dipendenti ed opera in più di 15 Paesi. La grande qualità dei prodotti e delle persone di NoemaLife rappresentano un importante patrimonio che intendiamo valorizzare adeguatamente. Grazie a questa integrazione il nuovo Gruppo opererà in 25 Paesi con oltre 1.700 dipendenti, di cui 1.100 in Italia”.

“Questa operazione si colloca nell’ambito di un processo di consolidamento che intende valorizzare il posizionamento del Gruppo NoemaLife, oggi una realtà internazionale riconosciuta ed apprezzata nel mondo per il contributo apportato al settore e i successi ottenuti sul campo”, ha spiegato Francesco Serra, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo NoemaLife. “Obiettivo comune delle due società è il rafforzamento dei propri brand sia a livello nazionale sia a livello internazionale. Il nuovo progetto industriale consentirà l’attuazione di nuovi servizi sanitari e sarà in grado di abilitare le grandi trasformazioni tecnologiche e culturali in atto nel settore. L’accordo porterà vantaggi rilevanti grazie alla combinazione delle opportunità e delle efficienze delle strutture, che contribuiranno a generare un’importante nuova marginalità e che porteranno presto la nuova realtà a raggiungere la leadership assoluta nel mercato europeo”.

Dedalus S.p.A. è stata assistita da BNP Paribas in qualità di advisor finanziario e da Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners quale advisor legale.
Ghenos S.r.l. è stata assistita da Tamburi Investment Partners S.p.A. in qualità di advisor finanziario, da BLF Studio Legale quale advisor legale e da Studio Serantoni quale advisor societario e fiscale.
Per maggiori dettagli sulle Offerte si prega di fare riferimento al Comunicato ai sensi dell’articolo 102, comma 1 e 106, comma 1, del D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, come successivamente modificato ed integrato (il “TUF”) e dell’articolo 37 del Regolamento Consob n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato ed integrato (il “Regolamento Emittenti”), diffuso in data odierna.

DEDALUS S.p.A.
Costituita a Firenze nel 1990, Dedalus oggi è leader nel software clinico in Italia, oltre ad essere un importante player internazionale con i suoi 1.000 addetti, di cui oltre 250 all’estero. Negli ultimi cinque anni, Dedalus ha accelerato la sua espansione internazionale, sfruttando la piena copertura funzionale di tutte le esigenze ICT di ogni sistema sanitario (non limitatamente a sistemi ospedalieri), sia pubblico che privato. Dedalus è presente a livello globale con le proprie aziende locali o tramite Joint Venture realizzate con i principali operatori domestici. Dedalus è impegnata in importanti progetti in Cina, Sud Africa, Ecuador, Perù, Cile, Messico, Arabia Saudita, Tunisia, Spagna, Romania, Bosnia, Regno Unito e Stati Uniti d’America. Dedalus opera, inoltre, anche, in Brasile, Turchia, Egitto, Dubai, Tanzania e Svizzera.

NOEMALIFE S.p.A.
NoemaLife, quotata al Mercato Telematico Azionario, opera nel settore dell’informatica clinica ospedaliera, contribuendo a rendere il sistema sanitario più efficiente ed efficace, a livello dipartimentale, ospedaliero e territoriale, attraverso la riduzione dei costi ed il miglioramento della qualità del processo di cura del paziente. NoemaLife, che si avvale di uno staff di oltre 700 professionisti in tutto il mondo, è direttamente presente sul mercato in Italia, Germania, Francia, Regno Unito, Argentina, Cile, Algeria, Croazia, Emirati Arabi Uniti e Messico e, tramite un network di distribuzione, opera in America Latina, Nord-Europa e Australia. Nel 2011, grazie all’acquisizione della maggioranza relativa del capitale del gruppo francese Medasys, NoemaLife ha consolidato il proprio ruolo di principale fornitore europeo di soluzioni informatiche di processi clinici.

L’Istituto di Ricerca e Cura sul Cancro Candiolo tra i più tecnologici d’Europa grazie al software del Gruppo Dedalus

L’Istituto di Ricerca e Cura sul Cancro IRCCS Candiolo, centro piemontese di livello nazionale e internazionale per la cura e la ricerca scientifica sul cancro, raggiunge il livello di eccellenza anche nell’informatizzazione dei processi clinico sanitari grazie al sistema informativo del Gruppo Dedalus. Un successo sancito dalla recente assegnazione del livello 6 di valutazione internazionale “EMRAM” (Electronic Medical Record Adoption Model), che analizza e mette a confronto il grado di digitalizzazione nelle strutture sanitarie, messo a punto da Himss Analytics Europe l’organizzazione no-profit che ha come obiettivo il miglioramento della sanità con le tecnologie informatiche. L’Istituto di Candiolo è un centro oncologico privato, convenzionato con il SSN, di proprietà della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro Onlus, con 120 posti letto dove operano 500 operatori tra ricercatori, medici e infermieri. L’Istituto ha da sempre saputo coniugare l’alta tecnologia e innovazione degli apparati diagnostici e dispositivi medici con la completa informatizzazione di ogni processo ospedaliero, trovando nel Gruppo Dedalus, la prima azienda in Italia di produzione software ed organizzazione sanitaria, un partner privilegiato. Il nuovo sistema di gestione riguarda l’informatizzazione completa di tutti i processi clinico – sanitari che vanno dal’accoglienza dei pazienti, alla gestione clinica con i sistemi di Cartella Clinica Elettronica Tabula Clinica, il percorso chirurgico OrmaWeb e la filiera del farmaco FarmaSafe@, integrata ai sistemi gestionali di diagnostica di laboratorio Concerto. Questo permette all’Istituto di centralizzare il sistema clinico che abilita il medico ad ottenere in tempo reale tutte le informazioni amministrative, diagnostiche, terapeutiche del paziente. Tutto questo in totale aderenza alle linee guida del Ministero della Salute per quanto riguarda i processi di gestione del farmaco sia legato alle terapie standard sia chemioterapiche, cuore pulsante del percorso oncologico informatizzato di Dedalus. “Un altro riconoscimento che ci riempie d’orgoglio – commenta Giorgio Moretti presidente di Dedalus – e che segue i medesimi risultati che abbiamo ottenuto con l’Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate nel 2014.  Il livello di eccellenza ICT ottenuto dall’Istituto di Candiolo è la conferma della visione di Dedalus dove l’informatica è alla base del miglioramento non solo dei processi clinico sanitari ma anche della qualità di cura al paziente grazie alla sensibile riduzione del rischio clinico, in particolar modo – conclude Moretti – sul processo della farmacoterapia chemioterapica”.

Il Gruppo Dedalus protagonista al Premio Innovazione Digitale in Sanità 2015 del Politecnico di Milano

Il Gruppo Dedalus, una delle prime aziende italiane nella produzione di software ed organizzazione sanitaria, protagonista con i suoi prodotti al Premio Innovazione Digitale in Sanità del Politecnico di Milano che si è svolto martedì 12 maggio. Il modulo informatico per la gestione dei magazzini dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, realizzato in collaborazione con Dcare del Gruppo Dedalus tramite la soluzione Dcare Warehouse System, si è infatti aggiudicato il primo premio assegnato dall’Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità che punta a promuovere i migliori progetti della sanità italiana capaci di utilizzare le tecnologie digitali come leva di innovazione e miglioramento. La partecipazione a questo risultato rappresenta un importante e ulteriore riconoscimento per Dedalus, azienda con oltre 1000 dipendenti di cui 250 nelle sedi estere e un fatturato oltre 80 milioni, che da sempre punta all’innovazione e alla qualità delle sue risorse umane per realizzare prodotti sempre capaci di rendere la sanità più efficiente e con meno sprechi. In questo caso si tratta di una piattaforma informatica mobile che permette di tracciare le merci nelle diverse fasi. Questo sistema permette lo snellimento delle attività per gli operatori, una gestione ottimizzata del magazzino, con la diminuzione delle scorte e dei farmaci e dispositivi scaduti, la possibilità di tracciare le movimentazioni ai carrelli e alle 32 sale operatorie, monitorando in modo preciso il flusso di magazzino e consentendo le indagini sui consumi effettivi di materiale in sala operatoria. Ma accanto a questo importante premio, soddisfazione anche per un altro riconoscimento. Quello avuto dall’ASL di Rieti con la partecipazione alla fase finale del premio nella categoria “Gestione dei processi socio-sanitari sul territorio” grazie alla collaborazione con Dedalus per la realizzazione di una piattaforma informatica, basata sul sistema Primary Care System, in grado di integrare le attività di tutti gli operatori coinvolti nel processo di cura. “Siamo orgogliosi di queste due affermazioni – sottolinea Giorgio Moretti presidente di Dedalus – perché sottolineano il nostro impegno di creare e sviluppare software sempre più capaci di venire incontro alle esigenze delle aziende sanitarie e agli ospedali e di conseguenza in grado di offrire migliori e più efficienti servizi ai cittadini”.

Diffondere un nuovo modo di fare sanità grazie all’innovazione tecnologica e alla formazione sul campo per estendere a tutta la popolazione il diritto alla cura in modo più efficiente ed economicamente sostenibile. E’ questo il progetto “EMedMed” di OCCAM (l’Osservatorio per la Comunicazione Culturale e Audiovisiva), agenzia affiliata all’ONU, che punta a sviluppare la telemedicina in tre nazioni nord africane (Tunisia, Marocco, Egitto), e che sarà realizzato, come partner tecnologico, dal Gruppo Dedalus, società di Firenze leader nel software clinico sanitario che opera in 30 paesi del mondo. Il progetto sarà presentato da Giorgio Moretti, presidente di Dedalus, giovedì 9 aprile a New York, presso la sede delle Nazioni Unite nell’ambito della “XV Infopoverty World Conference” che ha come obiettivo la lotta alla povertà tramite l’impiego delle nuove tecnologie dell’Information Technology (ICT). Il tema principale della conferenza, che sarà trasmessa in diretta web tv ai rappresentanti di oltre 100 paesi principalmente in via di sviluppo, sarà proprio la “Sanità Globale”, che parte dall’ambiente e, attraverso la sicurezza alimentare, arriva fino alle moderne applicazioni sanitarie che fanno largo uso delle nuove tecnologie. Il progetto “eMedMed” punta allo sviluppo della telemedicina basata su un’importante e innovativa soluzione software sviluppata da Dedalus, la “piattaforma di interoperabilità” che gestisce lo scambio di notizie sanitarie tra i diversi sistemi informativi, amministrativi e clinici. In più il compito di Dedalus sarà quello di assistere le strutture sanitarie locali e di fornire tecnologia e servizi tecnologici di ausilio al personale amministrativo e a quello medico-scientifico per farli operare in piena autonomia. Accanto alla parte tecnologica il progetto infatti si basa anche su un servizio di formazione e assistenza di figure mediche e paramediche di ciascun Paese. I Paesi interessati utilizzeranno la telemedicina in tre settori: in Tunisia, per la specializzazione in pneumologia; in Egitto, per la ginecologia ed in Marocco, per il diabete. La fase di formazione, sperimentazione e verifiche sul campo avranno una durata compresa tra 24 e 36 mesi a seguito dei quali ogni organizzazione sanitaria locale sarà in grado di diffondere pratica e tecnologia nel proprio territorio. Il progetto per il momento avrà carattere sperimentale ed un valore di circa 4 milioni di Euro ma l’obiettivo di OCCAM è quello di estenderlo ad altri Paesi in via di sviluppo.

L’ospedale di Vimercate (Monza-Brianza) è da oggi una struttura hi-tech e paperless: niente più faldoni di carta e stampe di documenti, grazie all’informatizzazione completa di tutti i suoi processi clinico-sanitari. Dalla diagnostica all’accoglienza, dalla cartella clinica alla filiera del farmaco. L’innovazione dell’ospedale lombardo è stata riconosciuta a Roma durante il CIO Summit dell’HIMSS (Healthcare Information and Management Systems Society), organizzazione no-profit internazionale nata con l’obiettivo di migliorare l’assistenza sanitaria attraverso l’impiego ottimale delle tecnologie informatiche. Vimercate ha raggiunto il punteggio di 6 su 7, sinonimo di “leadership nell’information technology ospedaliero” su scala globale, anche grazie alla Cartella Clinica Elettronica di Dedalus. Lo strumento, opportunamente integrato con le soluzioni verticali dell’Azienda Ospedaliera, consente a medici, infermieri e professionisti di accedere sempre e dovunque a tutte le informazioni del paziente: referti, immagini, modulistica e foto, con una grande attenzione al Clinical Risk Management e alla sicurezza. Ogni giorno, in ciascuna delle unità operative del centro, vengono gestiti in modo completamente informatizzato 5.000 documenti clinici, 20.000 somministrazioni di farmaci e 10.000 rilevazioni di parametri vitali. L’Azienda Ospedaliera di Vimercate è costituita da cinque ospedali (Carate, Giussano, Desio, Seregno e Vimercate) e comprende quasi 1.300 posti letto, per un totale annuo di 48.500 ricoveri. La soluzione di Cartella Clinica Elettronica, adottata nei due poli maggiori (Desio e Vimercate) e nel presidio di Seregno, è utilizzata da 500 medici e 1.600 tra infermieri, tecnici di riabilitazione e personale di supporto, attraverso l’impiego di 300 dispositivi mobili, Tablet e PC. Dedalus è la prima azienda in Italia di produzione software e organizzazione sanitaria. Pianifica e implementa strategie per l’Italia e per i Paesi che hanno deciso di riformare i loro sistemi sanitari, grazie alle migliori tecnologie disponibili oggi.

Dedalus China ha firmato l’11 giugno un accordo di partnership con Gansu Wanwei, una consociata interamente controllata da China Telecom, il più grande servizio di linea fissa e il terzo più grande provider di telecomunicazione mobile in Cina.

L’accordo, firmato dal CEO di Dedalus – Giorgio Moretti – e dal Direttore Generale di China Telecom Gansu Wanwei – Li Zhong – è finalizzato alla promozione e attuazione in tutto il territorio nazionale di soluzioni progettuali congiunte basate su prodotti Dedalus e servizi Gansu Wanwei. La collaborazione tra le due società sarà focalizzata su X1.V1, piattaforma di interoperabilità Dedalus, che recentemente è stata localizzata a Daqing (Heilongjiang) nel quadro del Progetto Daqing Municipality Health Bureau Regional Healthcare. L’accordo rappresenta un ulteriore passo importante per la crescita di Dedalus in Cina, con un partner strategico per le operazioni aziendali a livello nazionale.

Il documento è stato firmato durante la prima riunione del Business Forum Italia-Cina, tenutosi presso la Grande Sala del Popolo alla presenza del Primo Ministro italiano Matteo Renzi, del primo ministro cinese Li Keqiang, del Ministro italiano dello Sviluppo Economico Federica Guidi e del ministro cinese del Commercio Gao Hucheng. Il Forum, istituito da Italia e Cina nel gennaio 2014, prevede una serie di attività di cooperazione bilaterale, finalizzato allo sviluppo delle relazioni economiche tra i due Paesi, in particolare nei settori del commercio, degli investimenti, della scienza e tecnologia e del turismo. Giorgio Moretti, CEO Dedalus, ha l’onore di far parte del Collegio dei Membri come coordinatore per il settore Healthcare Forum.

Un’intervista al dott. Moretti andrà in onda sul più grande TV Broadcaster (CCTV2) questa Domenica alle 10:00.

Durante l’evento di presentazione del rapporto 2014 dell’Osservatorio ICT in Sanità del Politecnico di Milano, sono stati assegnati i Premi Innovazione ICT per la Sanità. Nella categoria Digitalizzazione dei processi e dei percorsi clinici, il premio è stato assegnato al progetto di informatizzazione dei percorsi chirurgici dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Ospedali Riuniti” di Ancona realizzato con la soluzione Ormaweb di Dedalus.

Le motivazioni:
Il progetto ha garantito il miglioramento della programmazione, dell’organizzazione e della valutazione dell’attività chirurgica grazie al supporto digitale integrato del percorso chirurgico, dall’informatizzazione delle liste d’attesa operatorie al registro operatorio digitale. Inoltre l’ampia diffusione del sistema, che viene utilizzato da chirurghi, anestesisti e infermieri, in tutte le unità operative chirurgiche ha consentito di gestire in modo più efficace la comunicazione e la condivisione delle informazioni, portando al miglioramento delle pratiche organizzative, anche grazie all’applicazione di procedure specifiche. Sono stati inoltre ottenuti benefici in termini di riduzione dei tempi d’attesa medi per gli interventi, l’aumento del tasso di utilizzo dei blocchi operatori – che è arrivato al 99% del tempo disponibile – e la pervasività di utilizzo all’interno dell’AOU (98% dei pazienti prenotati, programmati e operati).

Nell’ambito del congresso, l’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII è intervenuta con il Dott. Amboni Responsabile Medicina di Laboratorio dell’Azienda che ha presentato il progetto di Appropriatezza Prescrittiva per Esami di Laboratorio realizzato con il sistema LIS Concerto.

Con questo premio Dedalus si aggiudica per il terzo anno consecutivo il Premio Innovazione ICT in Sanità dopo quello di due anni fa assegnato al progetto FarmaSafe@ per gli Ospedali Riuniti di Bergamo e quelli dell’anno scorso assegnati al progetto Tabula Clinica per l’Azienda Ospedaliera di Desio e Vimercate e Ormaweb per l’Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara, frutto della forte relazione di partnership con il Politecnico di Milano portata avanti dai colleghi dell’area commerciale Lombardia e Marketing / Presales di Dedalus attraverso la partecipazione attiva agli Advisory Board dell’Osservatorio.

EHealth4All è il premio patrocinato da Expo 2015 che si propone di selezionare progetti di miglioramento in ambito salute e benessere, con una forte componente ICT, ma attenti anche alla dimensione sociale, di valore per la comunità e di cambiamento innovativo sostenibile.
Il progetto ADAPT, cofinanziato dal MIUR nell’ambito del bando Smart Cities Nazionali e che vede Dedalus coordinatore del progetto in un Consorzio composto da PMI, Grandi imprese e Università, è stato selezionato tra i 10 progetti candidati al premio. La Divisione Ricerca e Sviluppo che gestisce il Progetto ADAPT illustrerà in Assolombarda il progetto all’evento di presentazione del premio il prossimo 11 aprile 2014.

Conformità ai requisiti americani dello Standard 21 CFR part 11

La soluzione Dedalus Armonia, in uso presso Istituto Europeo Oncologia, ha ottenuto per il processo di clinical trials di anatomia patologica la conformità ai requisiti americani dello Standard 21 CFR part 11 – IEO 31 Marzo 2014.
Nell’ambito dei processi di clinical trials di IEO, l’azienda cliente, per preservare la validità dei processi di clinical trials nei confronti di aziende farmaceutiche americane, ha chiesto supporto a Dedalus per ottenere lo standard 21 CFR part 11 che rappresenta l’equiparabilità di un documento clinico al corrispondente cartaceo. Il dipartimento di anatomia patologica ha lavorato insieme a IEO e ha ottenuto questa importante certificazione che consentirà al prodotto Armonia di aumentare la propria competitività sul mercato.

Dedalus si è aggiudicata le seguenti gare:
– IRCCS Bonino Pulejo di Messina – Sistema per la Governance dei Reparti: suite Arianna e Tabula Clinica per il percorso inPatient, Cartella Clinica Elettronica, progetto riabilitativo e ricerca clinica.
– ASL Cagliari – Screening Cardiovascolare: Arianna Screening e piattaforma X1.V1 per la gestione dello screening cardiovascolare nell’ASL del capoluogo sardo
E’ interessante far notare che in entrambe le gare la proficua sinergia tra i gruppi di Sicilia Sistemi Tecnologie che ha coordinato le due gare e quelli dipartimentali Dedalus che hanno contribuito alla risposta su entrambi i progetti, hanno portato al conseguimento di 99 punti su 100 nella prima gara e di 58 punti tecnici su 60 nella seconda, rendendo il divario con Noemalife superiore ai 25 punti tecnici in entrambe le gare.

Il 4 dicembre 2013 è stata aggiudicata a Dedalus la gara per il “Nuovo sistema informatico per la gestione del servizio di Anatomia Patologica dell’A.C.O. San Filippo Neri di Roma”. Dedalus, con il sistema informativo Armonia, ha ottenuto il miglior punteggio complessivo superando Engineering, Menarini e Noemalife. Il progetto prevede l’intera gestione del processo anatomo-patologico, dalla registrazione del prelievo alla fonte, alla tracciabilità dell’intero campione e l’integrazione della strumentazione di laboratorio, alla pubblicazione dei referti firmati digitalmente. Il successo è da attribuire all’ottimo lavoro di coordinamento dell’area commerciale e della sinergia che si è stabilita con il dipartimento di diagnostica e l’ufficio gare.

Il MIUR ha finalmente pubblicato le graduatorie definitive dei progetti “SMART CITIES”. Dedalus ha partecipato, in tre diversi raggruppamenti, alla presentazione di progetti finalizzati all’evoluzione del sistema socio sanitario. In particolare, i tre progetti presentati sono:

– ADAPT (Accessible Data for Accessible Proto-Types in Social Sector). Presentato sul tema “Tecnologie Welfare e inclusione”, con l’endorsement della Regione Veneto (assessorato Politiche Sociali) e della Regione Molise. Dedalus è coordinatore di questo progetto. L’obiettivo è quello di estendere il Fascicolo Sanitario anche agli eventi di tipo sociale e di creare una versione prototipale di ambiente di vita innovativo in grado di supportare  l’inclusione di categorie deboli e prevenire forme di disagio sociale. In particolare, Dedalus sarà coinvolta con le seguenti attività: integrare nel FSE (in particolare del Veneto) fonti dati a carattere sociale; implementare percorsi assistenziali a carattere socio-sanitario (in particolare ADI, RSA).

– SMART AGING. Presentato sul tema “Invecchiamento della Società”, con l’endorsement di alcuni comuni (Bergamo, Brescia, Cuneo, San Benedetto del Tronto) le ASL di Bergamo e Monza Brianza, l’Ospedale Niguarda, l’Ospedale di Bergamo e gli Ospedali Civili di Brescia. Il coordinatore è Confindustria Bergamo. L’obiettivo del progetto è la creazione di un framework “citizen driven” (ovvero gestito e a vantaggio primario del cittadino) in grado di raccogliere ed utilizzare in modo efficace una serie di informazioni/dati/documenti per migliorare la qualità di vita e la cura della popolazione anziana. L’idea è in pratica quella di creare un PHR specializzato per l’anziano che possa interoperare con una nuova generazione di FSE, predisposti per supportare percorsi di cura e gestione “event driven”. Per quanto ci riguarda, Dedalus sarà coinvolta nelle seguenti attività: utilizzare le informazioni per supportare percorsi di cura integrati di pazienti cronici, sfruttando in particolare l’interazione con le Cure Primarie; implementare servizi innovativi sul tema “Movimento per la salute”; implementare servizi innovativi legati al tema “gestione della terapia farmacologica” (per esempio gestione completa processo ePrescription, compreso Compliance).

– HEALTH@HOME (Home Care – SMART COMMUNITIES a servizio del benessere del cittadino). Presentato sul tema “Salute” con l’endorsement che deriva in parte dalla Liguria (Comune di Genova, Ospedale Gaslini, Fondazione Don Gnocchi di Sarzana) ed in parte dal Veneto (Provincia di Treviso ed in particolare l’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale). Lo scopo è creare un’assistenza al cittadino basata su una rete di servizi sanitari e sociali integrati e dispositivi/sistemi interoperabili. Essa poggerà su un’infrastruttura basata su paradigmi di cloud computing finalizzata a connettere le società e gli enti che offrono i servizi con gli attori che ne fruiscono (principalmente individuabili in cittadini e famiglie). Anche in questo caso le attività Dedalus saranno concentrate nell’estensione del FSE, affinché sia possibile fornire servizi a valore aggiunto per il cittadino, in particolare per pazienti cronici.

Tutti e tre i nostri progetti sono nella lista dei finanziati. Sottolineiamo l’apprezzamento per il lavoro svolto da tutto il gruppo R&D, lavoro determinante nella stesura dei tre i progetti. In tutti i progetti il ruolo specifico di Dedalus è ovviamente relativo alla piattaforma di interoperabilità e dei servizi abilitanti i processi clinico-assistenziale, a supporto della continuità di cura, di una migliore governance clinica e di una maggiore efficacia dei percorsi di cura, coerentemente con le strategie dell’azienda.

Da oggi è disponibile on line il processo di reclutamento e selezione del personale per entrare a far parte del mondo Dedalus. Diventa anche tu parte del gruppo leader in Italia nei servizi sanitari integrati, con la possibilità di lavorare a progetti internazionali nel settore dell’Information Technology.

Selezioniamo giovani brillanti ed esperti professionisti che desiderino lavorare in un’azienda all’avanguardia, con prospettive di carriera che esaltino le doti e le aspirazioni personali.

Verifica le attuali posizioni aperte all’interno del nostro Gruppo.

Sezione vuota. Modifica pagina per aggiungere dei contenuti qui.