Innovazione in sanità

Telemedicina, l’Italia ci crede. Ma ora serve una “fusione” con Fse

Spesa in crescita per le tecnologie Ict in medicina, ma l’espansione resta ferma. Un’integrazione dei nuovi servizi con quelli del Fascicolo digitale sarà strategica per favorire un approccio interoperabile alla gestione dei dati. Ecco lo scenario

Fonte: Agenda Digitale – 18 Luglio 2019


Sanità digitale, ecco perché la clinica informatica ha fallito. Come ripartire

Nuove tecnologie e conoscenze estese rappresentano una grande occasione per cambiare l’assistenza sanitaria. Blockchain, algoritmi, AI sono i veri strumenti del futuro. Ma serve riflettere sugli errori del passato e ripensare le strategie facendo centro sull’intelligenza umana. Lo scenario e il percorso da compiere.

Fonte: Agenda Digitale – 9 Luglio 2019


Farmindustria apre la sfida digitale: “È tempo di connecting healthcare”

Il presidente Massimo Scaccabarozzi: “Il farmaco, da semplice prodotto, diventa parte di un processo interconnesso, anche di ricerca, combinato con device, diagnostica, medtech e caregiving”

Fonte: Corriere delle Comunicazioni – 5 Luglio 2019


Sanità digitale, ecco l’architettura software che accelera la trasformazione

Nel processo di adozione di nuove tecnologie serve che l’Azienda sanitaria disegni la propria strategia di evoluzione dei sistemi informativi. In questo senso un modello organizzato per aree applicative può fare da riferimento nel medio-lungo termine. L’analisi della struttura e degli obiettivi

Fonte: Agenda Digitale – 29 Aprile 2019


Fascicolo sanitario elettronico, “online” 11 milioni di italiani

Secondo il monitoraggio Agid-Cnr in ben 19 Regioni su 20 risulta attivato il progetto. A quota 239 milioni i referti digitalizzati. L’Agenzia a lavoro per trasformare l’Fse in punto unico di accesso ai dati clinici del cittadino. In cantiere nuove linee guida sulla gestione delle info.

Fonte: Corriere delle Comunicazioni – 9 Aprile 2019


Fastweb accelera sulla telemedicina, al via il progetto “Smart Health”

Il servizio 5G ready è progettato per il telemonitoraggio domiciliare e il supporto alla diagnosi da remoto. Il sistema, implementato anche grazie alla sperimentazione con l’Irccs Giovanni Paolo II di Bari, punta a migliorare il percorso terapeutico del paziente e a rendere più efficienti i processi ospedalieri

Fonte: Corriere delle Comunicazioni – 7 Marzo 2019


E-health alla sfida dell’efficienza: condivisione dati chiave di volta

Analisi Sap sui dirigenti dell’healthcare: informazioni più visibili, rafforzamento dell’efficienza operativa e interoperabilità le priorità per abbattere i costi e migliorare l’esperienza del paziente.

Fonte: Corriere delle Comunicazioni – 19 Febbraio 2019


Smart paper nuova frontiera dell’e-health, a Pisa debutta “Wasp"

Il progetto europeo, di cui l’università toscana è capofila, mira a realizzare prodotti come bende e cerotti sui quali “stampare” dispositivi elettronici e circuiti, in grado di monitorare i parametri biomedici

Fonte: Corriere delle Comunicazioni – 29 Ottobre 2018


Svolta digital per la sanità, big data al servizio dell’healthcare “di precisione”

Accordo tra Ibm Italia e Università Campus Bio-Medico per la realizzazione di progetti innovativi nell’assistenza sanitaria. Si traguarda l’ospedale del futuro

Fonte: Corriere delle Comunicazioni – 10 Ottobre 2018


Intelligenza artificiale in Sanità: la via per un’applicazione concreta

L’AI in sanità rappresenta una realtà capace di apportare benefici tangibili sia al paziente sia alla struttura clinica che l’adotta e la domanda di servizi è in continua crescita. Restano tuttavia delle questioni aperte alle quali chi si occupa di management dovrà fornire valide risposte. Ecco quali sono.

Fonte: Agenda Digitale – 11 Settembre 2018