Dossier, ricerche

Farmaci: spesa e consumi. Il Rapporto Osmed 2018

Tra spesa pubblica e privata nel 2018 abbiamo toccato quota 29,1 miliardi di euro con un calo di solo lo 0,1% rispetto al 2017. Cresce del 3,76% la privata per un totale di 8,379 miliardi. Gli antineoplastici e gli immunomodulatori sono la prima categoria in termini di spesa pubblica (5.659 milioni di euro), seguiti dai farmaci dell’apparato cardiovascolare (3.240 milioni di euro). In termini di consumi sono invece i cardiovascolari i più gettonati, seguiti da quelli dell’apparato gastrointestinale e metabolismo, del sangue e degli organi emopoietici.

Approfondimento: Il Rapporto Aifa

Fonte: Quotidiano Sanità – 18 Luglio 2019


Cibo. Rapporto Onu-Oms-Fao-Unicef-Fad-Wfp

Il numero di persone affamate nel mondo nel 2018 è di 821,6 milioni (1 persona su 9); gli adulti obesi sono 672 milioni (13% o 1 su 8 adulti). L'alert: "Il ritmo dei progressi nel dimezzare il numero di bambini che sono rachitici e nel ridurre il numero di bambini nati con basso peso alla nascita è troppo lento: l'SDG2 è fuori portata".

Approfondimenti: Lo stato della nutrizione nel mondo; Il quadro di sintesi; La dichiarazione congiunta ONU

Fonte: Quotidiano Sanità – 16 Luglio 2019


Il 12º Rapporto Italian Diabetes Barometer Forum

Una diagnosi a 40 anni può ridurre l’aspettativa di vita di circa 6 anni negli uomini e di circa 7 anni nelle donne, e la metà di questa riduzione è imputabile alle malattie cardiovascolari. Il 53 per cento dei decessi associati a iperglicemia è dovuto a cause cardio-cerebrovascolari, in particolare 2,27 milioni di morti per malattie cardiache ischemiche e 1,19 milioni per ictus. Questi alcuni dei dati presentati nel Rapporto oggi a Roma.

Fonte: Quotidiano Sanità – 9 Luglio 2019


Antitrust 2018: la Relazione annuale rileva per la sanità i casi di tre Regioni

Un commento anche sull'intelligenza artificiale per la quale l'Antitrust sottolinea la necessità di favorire lo sviluppo di un diffuso clima di fiducia che possa incentivare sia le imprese che i singoli cittadini a utilizzarla. Per non frenare gli investimenti finalizzati allo sviluppo delle innovazioni.

Approfondimento: La Relazione

Fonte: Quotidiano Sanità – 4 Luglio 2019


Farmaci generici. Ricavi non compensano costi. Il Rapporto di Nomisma

Un comparto in crescita, ma l’analisi dei costi di produzione e dei ricavi fa scattare un campanello d’allarme: i primi superano i secondi di due punti percentuale. L’indicatore Edibta giù del 45% in cinque anni. Servono mediazione culturale e coraggio su Industria 4.0. Häusermann: “La pressione verso il basso dei prezzi dei generici ha eroso la marginalità lorda delle imprese del comparto” 

Approfondimento: Il Rapporto

Fonte: Quotidiano Sanità – 2 Luglio 2019


Piano Nazionale Cronicità. A tre anni dal varo mancano all’appello ancora 5 Regioni

Ad oggi sono 15 le Regioni italiane ad averlo recepito formalmente con propria Delibera, la Regione Lombardia ha un proprio Piano, mentre non sono ancora reperibili (dopo una ricerca svolta sui siti web) le Delibere di recepimento del Piano nazionale di Campania, Basilicata, Friuli-Venezia Giulia, Sicilia e Sardegna. E ogni caso sono molte, troppe, le differenze tra le Regioni a partire dai tempi di recepimento.

Fonte: Quotidiano Sanità – 2 Luglio 2019


Emergenza sanitaria. Ambulanze con medico a bordo sono solo il 15%. Studio Fiaso

Lo studio ha fotografato in particolare l'organizzazione in 12 aree regionali campione che soccorrono ogni anno circa 2 milioni di persone (circa un terzo del totale dei soccorsi annui in Italia). Ne emerge un quadro molto frammentato con realtà dove la presenza del medico sale fino al 66% e in altre dove il medico è presente solo nell'8% dei mezzi. Ma il giudizio complessivo è positivo: “La presenza di personale medico nelle Unità operative mobili - dice Maria Paola Corradi, Vice Presidente Fiaso, Dg dell’Ares 118 - è perfettamente in grado di garantire l’adeguata assistenza ai pazienti codice rosso, che rappresentano circa il 5% degli interventi”.

Fonte: Quotidiano Sanità – 27 Giugno 2018


La fotografia del Ssn nel 2016

605mila operatori, mille ospedali, 9mila ambulatori, 10mila strutture residenziali e semi residenziali, 1.100 centri di riabilitazione e altre 5.600 strutture, dalla salute mentale ai consultori. Lo spaccato delle strutture, delle attività e del personale del Servizio sanitario nazionale, sia nel pubblico che nel privato (case di cura e strutture private autorizzate, accreditate e non accreditate con il Ssn) lo dà l’Annuario statistico del Servizio sanitario nazionale 2016, appena pubblicato dal ministero della Salute a cui si affianca una pubblicazione dedicata al personale di tutte le tipologie di strutture.

Approfondimenti: Annuario 2016; Personale 2016

Fonte: Quotidiano Sanità – 26 Giugno 2019


Oltre 4 miliardi l’anno di agevolazioni fiscali per fondi integrativi e welfare aziendale

Per la Fondazione di Nino Cartabellotta a tanto ammontano le agevolazioni per i quasi 11 milioni di italiani iscritti ai fondi sanitari. Una massa di denaro che per Gimbe andrebbe reindirizzata nella sanità pubblica limitando le funzioni dei fondi alle sole prestazioni integrative. 

Fonte: Quotidiano Sanità – 25 Giugno 2019


IX Rapporto Rbm-Censis. Lea negati per 1 italiano su 3

Presentato al Welfare day l’annuale report sulla sanità pubblica, privata e intermediata. Le liste d’attesa sono “un calvario” e il 35,8% dei cittadini le ha trovate chiuse almeno una volta e per questo si rivolge al privato mettendo mano al portafoglio. La spesa privata sale così a 37,3 miliardi di euro: +7,2% dal 2014 (-0,3% quella pubblica). Vecchietti (Rbm): “Raddoppiare il diritto alla Salute degli italiani, istituzionalizzando la sanità integrativa, è una priorità ormai improcrastinabile e per farlo serve un Secondo Pilastro Sanitario aperto che si affianchi al SSN. Il Governo intervenga”.

Approfondimento: Le slide

Fonte: Quotidiano Sanità – 13 Giugno 2019