È quanto emerge da una relazione della Corte dei conti europea che rileva come “deve essere meglio gestita per essere all’altezza delle proprie ambizioni”. Tra i problemi segnalati: scarsa conoscenza del diritto a ricevere assistenza sanitaria all’estero e ritardi nel campo dello scambio elettronico dei dati sanitari dei pazienti tra Stati membri.

Approfondimento: La Relazione

Fonte: Quotidiano Sanità – 5 Giugno 2019